Iperplasia prostatica : farmaci ed effetti collaterali sessuali

Iperplasia prostatica : farmaci ed effetti collaterali sessuali

Alcuni farmaci usati per trattare l’iperplasia prostatica possono causare difficoltà a mantenere l’erezione.
I soggetti che assumono alfa-bloccanti come doxazosin (Cardura) e terazosina (Hytrin) possono avere una diminuzione dell’eiaculazione, questo perché gli alfa-bloccanti rilassano le cellule muscolari della vescica e della prostata.
I reduttasi alfa possono causare disfunzione erettile oltre ad un ridotto desiderio sessuale, effetto collaterale questo dei dutasteride e finasteride, che sono entrambi inibitori della redattasi alfa.
I soggetti che assumono questi farmaci possono anche avere un numero molto basso di spermatozoi, una diminuzione del volume dello sperma e uno scarso movimento degli spermatozoi.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale * PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2018 Frontier Theme
WhatsApp chat