Gli effetti della pressione sanguigna alta sul corpo (e sull’erezione)

Gli effetti della pressione sanguigna alta sul corpo e sull’erezione

Quando il cuore batte, spinge il sangue nelle arterie nel suo cammino verso il resto del corpo.
La pressione sanguigna è la quantità di forza creata all’interno delle arterie e delle vene; la pressione sanguigna sistolica viene misurata con il sangue che pompa dal cuore; la pressione arteriosa diastolica si misura con i battiti cardiaci. La pressione sanguigna varia da persona a persona e può oscillare per tutto il giorno.
La pressione alta non sempre produce sintomi evidenti, tuttavia, provoca progressivo danneggiamento di arterie e vene, che può interferire con il flusso di sangue all’interno del corpo. Questo può portare a ictus, malattie cardiache e insufficienza cardiaca;inoltre, possono subire danni altre parti del corpo, compresi i reni, gli arti e gli occhi.

Sistema circolatorio
Il sistema circolatorio trasporta il sangue ricco di ossigeno in tutto il corpo. Le arterie sane si allungano leggermente quando il sangue viene pompato attraverso di loro; la pressione alta può causare un allungamento eccessivo, lasciandole vulnerabili ai danni. Nel corso del tempo, piccoli strappi formano tessuto cicatriziale all’interno delle arterie stesse.
Le arterie ostruite, chiamata aterosclerosi, possono essere una trappola per placca e colesterolo, e causano malattie coronariche. Se il ventricolo sinistro del cuore si ispessisce, la sua capacità di pompare sangue può essere fortemente limitata; il sangue intrappolato può causare coaguli che restringono le arterie e le bloccano, causando un ictus o un attacco cardiaco. Coaguli di sangue possono anche bloccare il flusso di sangue ad altri organi vitali.
Dolore al torace (angina) e ritmi cardiaci irregolari (aritmie) possono accompagnare l’alta pressione sanguigna. La pressione alta cronica costringe il cuore a lavorare di più, aumentando la probabilità di insufficienza cardiaca.
Ogni parte del corpo che non riceve abbastanza sangue ossigenato è a rischio; dolore o intorpidimento possono essere segno di compromissione del flusso sanguigno alle membra, con conseguente malattia delle arterie periferiche e questo aumenta la probabilità di infezioni o di un tessuto morto, chiamato cancrena.

Sistema nervoso centrale

Il cervello non può funzionare senza un rifornimento costante di sangue ossigenato; il restringimento delle arterie o un coagulo di sangue possono brevemente bloccare il flusso di sangue al cervello: questo si chiama attacco ischemico transitorio (TIA), o mini-ictus.
Le persone che hanno un TIA corrono il rischio di avere un attacco in piena regola, un evento in cui l’afflusso di sangue non arriva ad una parte del cervello, causando la morte delle cellule cerebrali. L’ictus può causare danni irreversibili a volte gravi, a seconda della parte del cervello coinvolta; il più grande rischio per l’ictus è la pressione alta.
Altri effetti potenziali dell’alta pressione sanguigna sono il decadimento cognitivo lieve e la demenza vascolare, una malattia cerebrale causata da un apporto interrotto di sangue al cervello; i sintomi includono problemi di memoria, di ragionamento e di parlare.
La retinopatia si verifica quando il danno si verifica nei piccoli vasi sanguigni che portano il sangue agli occhi; può provocare sanguinamento o un accumulo di liquido sotto la retina, che si chiama coroidopatia. Il danno al nervo ottico (neuropatia ottica) può effettivamente uccidere le cellule nervose negli occhi. Queste condizioni possono provocare disturbi della vista o addirittura la perdita permanente della vista.

Apparato escretore

I reni filtrano i prodotti di scarto, mantenendo quello che serve, e scartando ciò che il corpo non può utilizzare; essi non possono funzionare senza un buon apporto di sangue ossigenato. I vasi sanguigni ristretti limitano l’apporto di sangue e costringono i reni ad essere sempre meno efficienti nel rimuovere le tossine.
Nel corso del tempo, si possono formare delle cicatrici e i reni potrebbero smettere di funzionare completamente, segnalando la necessità di dialisi o di un trapianto di rene. Uno dei più alti fattori di rischio per l’insufficienza renale è la pressione alta; se si verifica un aneurisma in un’arteria che conduce ai reni (arteria renale aneurisma), l’emorragia interna può mettere in pericolo di vita.

Disfunzione sessuale

La pressione alta può causare disfunzione sessuale in uomini e donne. Negli uomini, un buon flusso di sangue al pene è necessario per raggiungere e mantenere l’erezione; se la pressione alta cronica colpisce le arterie e i vasi sanguigni che portano al pene, si può incorrere nella disfunzione erettile (DE) e nell’eiaculazione dolorosa.
Nelle donne, la pressione alta può influenzare il flusso di sangue alla vagina, questo può provocare secchezza vaginale, rapporti sessuali dolorosi, diminuzione del desiderio sessuale e la difficoltà a raggiungere l’orgasmo. La disfunzione sessuale può causare ansia sia negli uomini che nelle donne portando a problemi di relazione.
Secondo alcuni studi, la maggior parte dei farmaci da prescrizione usati per trattare la pressione alta possono causare problemi sessuali, questi includono:

• beta bloccanti
• ACE inibitori
• diuretici
• calcio-antagonisti
• bloccanti del recettore dell’angiotensina

Contatti per Consulenza Specialistica con il Dott. Pierpaolo Casto: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 * 0833 501735
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2019 Frontier Theme